EGGsist-Blog-China-Digital-Behaviour-1.png

China Digital Behaviour

Per cavalcare l’onda del turismo outbound del Paese del Dragone è necessario decodificare il turista cinese.

Come?

Scoprendo la generazione di appartenenza del tuo target audience, per poter poi dedurre di lì da quale social o piattaforma attinge informazioni e/o acquista online.

Partiamo dal primo punto: le 4 generazioni del consumatore cinese.

Boomers: +56 anni (1946-1964)

Generazione X: 36-55 anni (1965-1980)

Generazione Y: 18-23 anni (1981-1996)

Generazione Z: 25-35 anni (1997-2010)



Prima di parlare delle piattaforme o social dalle quali il nostro turista cinese attinge informazioni, è importante notare che, qualunque sia la sua generazione di appartenenza esiste un unico comune denominatore tra le 4 generazioni, che potremo esplicitare con questa frase:



“Se non ho la foto, in realtà non ci sono stato!”



Il turista cinese, a prescindere dalla sua età e dal suo rango social, è sempre più social e il suo digital behaviour lo porta a postare e condividere la propria esperienza online, altrimenti non sarà reale, perché non può provarla!

Il concetto di social sharing è sempre più forte in Cina, e anche le generazioni dei Boomer si stanno lasciando condizionare da questa nuova tendenza, anzi sono i primi che vogliono rafforzare il proprio “status sociale” mostrando ai propri amici dove sono, o dove stanno facendo shopping o in che ristorante di lusso stanno cenando.

Difatti, la Silver Generation è nel mirino di molti brand poiché appartengo alla fascia alto-spendente del consumatore cinese.

Prima di seguire con l’analisi, importante tenere a mente che i Boomer sono i genitori della Gen Y e coloro che appartengono alla Gen X, sono i genitori della Gen Z.

Suddividere i turisti cinesi in base alle sua generazione di apparenza è fondamentale poiché permetterà di comprendere molti comportamenti digitali che altrimenti non sarebbero spiegati.

Inoltre, vi sono anche avvenimenti storico-politici che hanno influenzato il loro digital behaviour.



Le 4 Generazioni Cinesi



Per darvi un esempio, i turisti appartenenti alla Generazione dei Boomer hanno vissuto nel periodo Maoista e del Grande Balzo in Avanti quindi sono reduci da un periodo di “sonnolenza” del Grande Dragone prima della “Rivoluzione culturale”.

La Gen X, infatti, influenzata dal periodo Denghista e dalla rivoluzione culturale, è stata protagonista del primo viaggio outbound cinese inteso come “leisure“. Prima di allora, i viaggi oltre confine erano limitati soli a piccoli diplomatici, atleti e delegazioni ufficiali.

Dopo il 1989, con il movimento di Tiananmen, inizia il periodo d’oro per il turismo outbound cinese. Coloro che appartengono a questa generazione, sono stati protagonisti del viaggio inteso come momento in cui poter visitare i propri amici e parenti; nacque così il cosiddetto permesso di VFR (Visiting Friends and Relatives).

Gli appartenenti della Generazione Y, di strascico a quanto accaduto negli anni prima, si sono trovati nel mezzo di riforme e strategie politiche volte a rendere il turismo come leva del soft power cinese.

Tra alcuni avvenimenti, si può citare il sistema di Approved Destination Status (ADS), ossia il regolamento per la gestione del movimento outbound de turisti cinesi. Dal 1997 in poi, sono stati sempre più i Paesi ad aderire al ADS, tra questi nel 2007 anche l’Italia.

Gli ultimi, quelli appartenenti alla Gen Z, invece, sono stati i protagonisti della prima ondata del turismo outbound cinese, ma anche e l’inizio delle politiche di censura dei mezzi di comunicazione occidentali: il Great Firewall!



Pian piano, negli anni si sono sviluppate sempre più App e OTP (Online Travel Platform) cinesi utilizzate dai consumatori per sviare al “problema” della censura e permettere ai cittadini cinesi di restare connessi al web ed effettuare acquisti online su altre piattaforme.




In questo articolo non parleremo ancora di quali sono le piattaforme e i social utilizzati dai nostri consumatori cinesi, ma vi sveleremo questo e molto altro ancora nella prossima conferenza dove saremo ospiti e speaker il 12 novembre a Milano presso il China Visitor Summit Europe- Fall Edition 2019 .

Continuate a seguirci sui nostri social…

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciChina Digital Behaviour
EGGsist-Golden-Week-1-1.png

CHINESE GOLDEN WEEK: IT’S TIME TO TRAVEL!

Il passaporto cinese è oro e la Golden Week è il momento perfetto per intercettare i turisti che viaggiano e fanno shopping all’estero.

Da dove nasce la Chinese Golden Week?

Il China National Day, e cioè il 1 di ottobre, segna l’anniversario della Repubblica Popolare Cinese, e quest’anno si celebrano i 70 anni dalla sua fondazione.

Il China National Day apre le porte della Cina alla Golden Week: una settimana di vacanze per i turisti cinesi.

La Golden Week è stata introdotta per la prima volta nel 1999, per favorire il turismo domestico cinese, ma anche per consentire alle famiglie di avere i giorni necessari per fare viaggi oltreoceano e riunirsi con i propri cari.

Prima di svelarvi le previsioni di quest’anno, cerchiamo di capire meglio che cosa si intende per Golden Week e perché questo è un momento importante per i retailer europei, store, strutture ricettive ed alberghiere interessati al mercato cinese.

Scopri il corso “Alipay in-store digital training

Che cosa si intente per Golden Week?

La Golden Week è il momento d’oro, così come dice appunto la parola, sia per il mercato cinese, sia per i mercati esteri scelti dai turisti cinesi come destinazione delle proprie vacanze.

Durante questa settimana, “Golden”, migliaia di turisti viaggiano per riunirsi con la propria famiglia o per passare del tempo con i propri cari in destinazioni lontane da casa.

Per la cultura cinese il viaggio è inteso come un “momentaneo allontanamento da casa”.

Infatti, per il consumatore cinese uno dei motivi che incide sulla scelta della meta di vacanza è dipeso anche dalla presenza dei loro brand preferiti o gli store dove vorrebbero fare shopping una volta a destinazione.

Proprio per questo loro “behaviour“, al ritorno delle loro vacanze, sono soliti portare dei regali ai loro amici o cari.

Perchè i retailer devono puntare sulla Golden Week?

十一国庆出国游,出境只用支付宝: Travelling overseas in Golden Week, Alipay to be trusted

A questa domanda vi rispondiamo con i numeri: quest’anno, si stima che circa 800 milioni di turisti cinesi saranno in giro per il mondo durante questi giorni di vacanza!

Secondo gli ultimi dati di Hotelbeds, la più importante bedbank al mondo, per quest’anno nelle top 10 delle mete scelte dai turisti cinesi non ci sono solo destinazioni asiatiche.

Previsione lista dei paesi scelti per la Golden Week 2019

  1. Tailandia
  2. Giappone
  3. Singapore
  4. USA
  5. Italia
  6. Indonesia
  7. Malesia
  8. Spagna
  9. UK
  10. Australia

Se pensate che nel 2017 erano solo 2 le città non asiatiche a far parte di questa lista, 4 nel 2018 con USA, Italia, Francia e Spagna, quest’anno invece il numero è passato a 5!

Numeri da ricordare per la Golden Week

  • Oltre 800 milioni di cittadini cinesi viaggeranno, dei quali oltre il 60% andrà all’estero.
  • Più del 40% delle persone prende più di 7 giorni di vacanza per poter viaggiare durante questo periodo;
  • I turisti sono principalmente persone nate tra il 1980 e il 1989, che rappresentano il 31% dei turisti cinesi, mentre quelli nati tra il 1990 e il 1999 rappresenteranno il 22%; di questi circa il 28% viaggerà con bambini.
  • L’Italia fa parte delle top 10 destination per la Golden week 2019
  • Le spese di viaggio saranno superiori rispetto alle stagioni non festive: potenzialmente il doppio del solito.

Detto questo, cosa avete fatto per attirare i turisti cinesi a comprare proprio nel vostro negozio o ad alloggiare nella vostra struttura ricettiva?

Se la vostra risposta è ancora nulla, allora “approfittate” del boom del flusso turistico dei consumatori cinesi all’estero per massimizzare le vendite in store. Come?

Attiva la tua campagna 020 con Alipay!

Durante la Golden Week, più di 80 mila merchant hanno fatto campagne drive to store sulla App cinese.

Ma perché dovresti attivare la tua campagna Alipay? Con la SuperApp cinese potrai:

  • Raggiungi l’attenzione del consumatore cinese direttamente sull’App aumentando la tua e-reputation;
  • Attirare la sua attenzione con una campagna marketing del tuo brand
  • Invogliarlo a visitare il tuo negozio, una volta arrivato a destinazione, attraverso sconti, regali e coupon a lui dedicati
  • Profilare, targettizzare e conoscere meglio il tuo cliente per la tua prossima campagna
  • Massimizzare le tue vendite in store
  • Facilitare il processo di pagamento per i tuoi consumatori cinesi
  • Invogliare i clienti cinesi a pagare proprio con Alipay, avvantaggiati da un tasso di cambio favorevole, nessun limite di spesa, la possibilità di accumulare crediti per il prossimo acquisto.

Sei pronto al lancio della tua prima campagna 020 per i clienti cinesi?

Sei non hai colto l’attimo sulla Golden Week, non preoccuparti, ci sono altri momenti ideali per pianificare una campagna drive to store! Quali? Contattaci!

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciCHINESE GOLDEN WEEK: IT’S TIME TO TRAVEL!
EGGsist-Quanto-è-vantaggioso-essere-single-.png

Quanto è “vantaggioso” essere single?

In Cina essere single è vantaggioso!

Alibaba ha creato un giorno speciale per tutti i Single in Cina, quando? 

Spieghiamolo in 4 punti:

  1. Il Single Day in Cina cade ogni 11 Novembre;
  2. ha una simbologia bene precisa: l’1 rappresenta il singolo che cerca l’altra sua metà + 1 -> quindi 11.11 > 11 Novembre;
  3. Nasce come l‘anti-San Valentino poiché appunto la festa dei single;
  4. E nel 2009 Alibaba lo converte come il più importante shopping day in Cina. 

Il Single Day meglio conosciuto come “ 双十一” = Doble 11 (11.11) , è anche noto in Cina con il nome di 光棍节” che letteralmente significa “The single stick Day”.

Tuttavia, questo giorno, nato come Single Day è oggi il più grande Retail Sales Day.

Come mai si è passati dal giorno dal Single day allo Shopping day



EGGSIST- SINGLE DAY


Nel 2009, quando Alibaba notò che durante il giorno dell’ 11/11, e cioè del Single Day, aveva incassato migliaia di RMB, decise di convertire tale data nel giorno per eccellenza per lo shopping online.



L’ 11 Novembre è il giorno dei single in Cina, ma non solo per loro! 

Vi siete mai chiesti quanti single ci sono in Cina?

Stiamo parlando di più di 400 milioni di consumatori, e di questi ogni 120 consumatori, 100 sono donne!

Se inizialmente tale festività era nata solo per i single, con il tempo si è convertita come un’occasione per tutti coloro che vogliono approfittare di questo giorno per comprare quello che hanno sempre desiderato, ma ad un prezzo inferiore.

Basti pensare che nell 2018, in occasione del Single Day, Alibaba ha venduto 168.3 miliardi di RMB, una quantità simile a 25.3 miliardi USD, con una crescita del 27% rispetto all’anno precedente.

Durante questo giorno, anche le transazione con la SuperApp di Alibaba, Alipay, hanno toccato somme pari al 1.5 miliardi per un totale di 812 milioni di ordini in 24 ore!

Non è difficile comprendere come per i consumatori e i retailer di tutto il mondo questo sia un momento “speciale”. 

Per i consumatori è un’occasione per comprare quello che hanno sempre desiderato avvantaggiati da uno sconto,  con la possibilità, se si è single di indossarlo per incontrare la dolce metà.

Mentre per i retailer e i brand occidentali è un modo per farsi conoscere ed attirare l’attenzione del consumatore cinese.



Qual è il profilo del tuo prossimo cliente cinese?





Il tuo prossimo cliente cinese in occasione del 11/11 sarà:

  • donna
  • single
  • giovane
  • proveniente da una delle città di prima fascia cinese
  • alto-spendente
  • mobile-shopper

Essere single è COOL e vantaggioso non solo per il consumatore cinese ma anche per il tuo brand!

Sei stai cercando di attirare la fetta del mercato cinese verso il tuo business/brand, ma non hai mai sentito parlare di 020, digital wallet, social commerce, e così via, allora stai sbagliando qualcosa!

Per darvi qualche esempio, in occasione del Single Day 2018, brand internazionali come Apple, Dyson, Kindle, Estée Lauder, L’Oréal, Nestle, Gap, Nike, Adidas ed altri, hanno visto un aumento del 40% delle loro vendite proveniente proprio dai consumatori cinesi.



Il Single Day ha fatto incassare a più di 240 brand internazionali circa 100 milioni di RMB, quasi 14,4 milioni di USD!

Per un brand, essere China Digital, tuttavia, non significa solo conoscere i canali di comunicazione cinesi, i loro strumenti digitali, adottare la logica che vi è dietro l’online 2 offline (020), ma è importante anche comprenderne i loro usi e i costumi per rendere efficace ed efficiente la propria comunicazione.

Di fatti, per il Single Day, i cinesi utilizzano alcune espressioni quali “低价位,高品味” che potremmo tradurre in “l’eleganza può essere indossata da tutti”; oppure 让人民币换一种方式陪伴你”ovvero “fai che il RMB ti possa accompagnare in un modo diverso”.

Cosa stai aspettando a lanciare la tua prima campagna 020 su Alipay? 

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciQuanto è “vantaggioso” essere single?
EGG-Milan-Fashion-Week-Chinese-KOL-.png

#MFW SS20 apre le porte anche i brand cinesi

Quest’anno la Milan Fashion Week, ospiterà 58 sfilate e più di 170 collezioni dedicate alle tendenze primavera/estate 2020, e tra i brand che parteciperanno ce ne saranno anche alcuni cinesi.

Le passerelle della città dello Shopping italiano parlano anche cinese e diventano un trampolino di lancio non solo per coloro che si vogliono far notare ma anche un momento per creare sinergie e network con i brand e consumatori cinesi.

Infatti, in occasione della Milan Fashion Week 2019 verranno lanciati due nuovi progetti di collaborazione tra la Milano Moda Donna e il grande colosso cinese: Alibaba.

Su cosa vertono questi due progetti e quali sono le opportunità per attirare il consumatore cinese, ve lo sveleremo tra poco.

Ma la domanda che ci siamo posti è:




Davvero ci sono anche brand cinesi alla Fashion Week di Milano?

Sì, infatti negli ultimi anni sono state sempre di più le occasioni in cui la moda Italiana ha incontrato quella cinese; sono stati presi nuovi accordi e collaborazioni che hanno giovato molti dei brand del nostro Paese.

Se ci pensate bene, noterete che sono davvero tanti i buyer, celebrities cinesi che arrivano a Milano per la Fashion Week.

I primi attratti dal Made In Italy, dalla nostra tradizione e know-how; i secondi sono diventati uno dei “canali preferenziali” che sempre più brand italiani scelgono per promuovere maggiormente le proprie collezioni e attirare dunque l’attenzione dei consumatori cinesi.

Ma chi sono queste celebrities?

Sono gli ormai celebri KOL cinesi che rappresentato i maggiori brand italiani durante eventi importanti come la Milan Fashion Week (in questo caso ne abbiamo riportati alcuni del 2018) e la promozione di nuove collezioni/prodotti come nel caso di Giorgio Armani.

E tu che KOL hai scelto per veicolare i consumatori cinesi verso il tuo brand?




Tong Li Ya & Armani



Alibaba sfila sulle passerelle della Milan Fashion Week




Il mercato del retail cinese è in trasformazione e a rivelarlo non sono solo i numeri ma anche i nuovi trend digitali.

Si stima che quest’anno il mercato del retail cinese raggiungerà i 5.6 miliardi di USD, sorpassando persino il colosso americano.

D’altra parte, ciò che rende unico il mercato del retail cinese è la nuova strategia lanciata più di due anni fa da Jack Ma: l’integrazione del mondo online con quello offline (020) ovvero il New Retail.

Ma se la tendenza del fashion cinese va verso le 020 marketing solutions, quanti dei brand che hanno sfilato sulle passerelle della Shopping City italiana sono “alla moda” con questa tendenza?




KOLs & Salvatore Ferragamo




Vediamo più da vicino i due progetti che Alibaba ha lanciato con la camera di commercio nazionale Milano Moda Donna?

  1. Starry Night
  2. Tmall China Cool
  • Starry Night è un’opportunità per i brand presenti sul marketplace AliExpress, del gruppo Alibaba, di farsi conoscere durante la Milan Fashion Week. Per loro, la Milano Fashion Week donna ha dedicato una sfilata intitolata “Starry Night” ed una mostra per i brand italiani ed uno cinese, Mishow. Aliexpress ha lanciato inoltre un concorso online intitolato “Take Me to Milan“.

A dimostrazione che la strategia online to offline è il nuovo trend del retail, migliaia di follower della piattaforma cinese si sono già iscritti al programma che li porta direttamente offline nella città d’eccellenza della moda italiana.

Tra questi, più di 50 sono stati selezionati per partecipare allo show di Milano e godere di un’esperienza unica e di confronto diretto con i brand.

  • Tmall China Cool è il progetto della piattaforma B2C del gruppo Alibaba: Tmall. Se Starry Night ha puntato tutto sulla strategia 020 (online to offline), Tmall China Cool, invece porta 9 brand cinesi a sfilare sulle passerelle della Fashion Week di New York, Milano e Parigi. Tra questi risaltano alcuni nomi, quali: ShuShu/Tong e Yirantian.  Per loro, il 20 settembre a Milano si terrò uno show nel Salone dei Tessuti, durante il quale i marchi metteranno a disposizione degli shopper i nuovi look della collezione e tre di questi verranno poi scelti per “sfilare” sulla piattaforma digitale di Tmall.  La piattaforma B2C offre quindi soluzioni di marketing integrate per permettere ai brand di raggiungere ed interagire a 360° con i propri consumatori.



Voi essere trendy anche tu e adottare una strategia 020 per i tuoi clienti cinesi?? Per saperne di più contattaci!

Leggi l'articolo
Flavia Vassallucci#MFW SS20 apre le porte anche i brand cinesi
EGGsist-HongBaoFormazione-.png

EGGsist lancia nuovi servizi per i retailer europei




EGGsist torna a Settembre con nuovi servizi digitali 020: le EGGsist Hongbao e Alipay in-store digital training.

Prima di parlarvi dei nostri servizi, vi spieghiamo perché abbiamo pensato proprio a queste soluzioni digitali per attirare i turisti cinesi.




Numeri da segnare

Quello cinese è il passaporto più potente al mondo.

Nel 2019 saranno circa 160 milioni i turisti che partiranno all’estero per le loro vacanze.  

Destinazioni in tutto il mondo guardano alla Cina in modo ottimistico e cercano di studiare il profilo del nuovo turista cinese per penetrare il mercato, conoscerlo ed attirarlo verso il proprio paese e propria attività. 

Domanda 1: Come fare leva sul turismo cinese outbound e attirare l’attenzione dei turisti cinesi nel proprio store?

Risposta:  Utilizzando strumenti digitali 020 usati ogni giorno da più di 1 miliardo di consumatori cinesi! Quali?Alipay.




Alipay e le 020 marketing solutions

Abbiamo già parlato nei precedenti articoli di Alipay e delle strategie online to offline (020) per attirare i consumatori cinesi.

Ma state realmente utilizzando tutte le sue potenzialità?




Sei pronto ad adattare la China Digital Retail Strategy per rivoluzionare il tuo business?




EGGsist, Alipay Marketing Partner, si è concentrata su queste domande e ha pensato ad un programma formativo volto a sfruttare le potenzialità della Super Lifestyle App: Alipay!




EGGsist – Alipay in-store Digital Training

Per te uno sconto del 30% 👉 https://bit.ly/2lNIHa9




EGGsist Hongbao con soluzioni digitali

Domanda 2: Come far sentire a casa i consumatori cinesi?

Risposta: Riprendendo le loro usanze culturali, quali le tradizionali Hongbao cinesi e rendendole digitali.

Come? EGGsist ha disegnato per i retailer che vogliono attirare l’attenzione dei consumatori cinesi, 3 Hongbao contenenti servizi personalizzati!

EGGsisthttps://www.eggsist.com/alipay-superapp/ Hongbao



Queste e molte altre novità, resta aggiornato e segui i nostri social!

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciEGGsist lancia nuovi servizi per i retailer europei