EGGsist-Shanghai-Shopping-Festival.png

Shanghai Shopping Festival: il rilancio dell’economia cinese

Il 23 Aprile il governo di Shanghai ha lanciato la campagna “#五五购物节” (wǔwǔ gòuwù jié) ma di che si tratta?

Forse avrete letto del “Double 5 Shopping Festival”, del “Shopping Festival del 5 Maggio” o semplicemente del “Shanghai Shopping Festival, in realtà stiamo parlando sempre dello stesso festival, ma come sempre in Cina i numeri hanno un doppio significato, e in questo caso anche triplo.

Il 5, infatti in questo caso, si riferisce:

  • al 5 di maggio, ovvero giorno in cui è stata lanciata la diretta del festival a livello globale (clicca qui per vedere lo show);
  • ma anche ai 5 settori più importanti per l’economia locale di Shanghai (i mercati emergenti, leisure e intrattenimento, automotive, news & comunicazioni, articoli per tutti i giorni);
  • e alle 5 festività che decorrono durante il periodo della campagna.


Dal 1 di maggio fino alla fine di giugno, periodo della campagna, ricorrono alcune delle festività più importanti in Cina e nonché momenti in cui i brand sono soliti fare campagne di promozione:

1 Maggio: la festa dei lavoratori 劳动节 Láodòng Jié

10 Maggio: la festa della mamma  母亲节 Mǔqīnjié

1 Giugno: la festa dei bambini 儿童节 Értóngjié

21 Giugno: la festa del papà 父亲节 Fùqīnjié

25 Giugno: la festa delle barche di dragone  端午节 Duānwǔjié

Ora che abbiamo compreso la chiave di lettura del “5.5 Shopping Festival”, torniamo al principio e vediamo assieme perché è nato questo nuovo festival? 

Tra i principali motivi vi sono:

  • rilanciare l’economia locale;
  • l’apertura di nuovi centri commerciali a Shanghai;
  • ma anche il riposizionamento dei più noti marchi locali.

“We see this as a good opportunity to promote and strengthen new shopping formats in the city and this could be a benchmark event for innovative technology retailing”

queste le parole di Chris Tung, Chief Marketing Officer di Alibaba Group , annunciate durante il lancio della campagna.

Secondo le ultime notizie, il 5 maggio, l’ Oriental Satellite TV ha lanciato infatti una diretta globale di quasi quattro ore dove sono stati stanziati circa 5 miliardi di coupon e buste rosse  collocate su diverse piattaforme cinesi, quali Alibaba, Pinduoduo, Suning, Dongfang CJ ed altre, e messe a disposizione per gli spettatori che hanno guardato in diretta lo show.



I giganti del digitale si allineano per una promozione all’ultima hongbao 红包

Durnate il Double Shopping Festival, le principali piattaforme cinesi metterenno in palio soldi contenenti nelle digital 红包 e altri sconti.

Tra le principali piattaforme, Alibaba metterà a dispoizione per i residenti di Shanghai 2 miliardi di yuan, e tra i diversi prodotti disponibili ci saranno anche specialità alimentari della provincia di Hubei, la regione più colpita durante la pandemia.

Pinduoduo, une delle app di e-commerce in Cina, offrirà ai propri acquirenti sconti fino a 1,5 miliardi di yuan, su una scelta di pià di 10.000 marchi presenti sulla piattaforma, e coupon speciali per un valore totale di 1 miliardo di yuan su prodotti locali e a brand di Shanghai.

Una sinergia di offerte online e offline, volte da una parte a mantenere il legame costruito in questi mesi con gli e-shopper, e dall’altra a riportare in store i più tradizionalisti.

In questo festival, partecipano i più svariati settori, tra cui anche librerie di Xinhua, le ultime tra i commercianti ad offrire un servizio di delivery tramite la piattaforma di Ele.me, e che cercano ora di riportare in store i propri lettori.

Shanghai, la città di punta per lo shopping in Cina, sarà nei prossimi mese sui cellulare di molti consumatori cinesi.

La città dello Shopping cinese, l’anno scorso si è posizionata tra i primi posti in tutta la Cina per incassi in vendite al dettaglio di beni di consumo, raggiungendo circa 1,35 trilione di yuan!

La sfida questa volta è: quanto la città riuscirà a recuperare nel Q2 del 2020 se solo nei primi 4 minuti dopo la cerimonia di lancio del festival, sono state fatturate già 100 milioni di vendite di RMB?

Lo scopriremo assieme, continuate a seguirci!

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciShanghai Shopping Festival: il rilancio dell’economia cinese
EGGsist-_-China-Digital-Strategy.png

Choose your China contact-less solutions

During these days of in-store stalls, a lot of Italian companies are dealing with digital transformation but are them all well prepared?

The traditional brick-and-mortar business models are still looking for their “way” to embrace digital technology to boost efficiency and improve the customer experience.


What can we do to accelerate this transformation? 

We can learn from the “Giant of Digital transformation”: China!


The Digital Giant, after showing a drop rate of over 80% in traffic in-store, during the peak moment of COVID-19, is now on its way to recovery. According to data, the resumption of purchases could accelerate in the next few weeks, fueled by a psychological effect that analysts call “revenge spending”.

Chinese people will take revenge from the period spent at home and will start doing frenetic shopping, starting from the domestic brands to the international ones. 


How does digital transformation support China’s economy and what we can learn from it?



On March 10th, Simon Hu, Ceo of Ant Financial, revealed the Alipay three years plan on the occasion of the Alipay partner Conference in Hangzhou, China.

Alipay the world’s leading mobile payment platform has a new goal: to support the digital transformation of 40 million service providers across China! 

The plan marks the role of the platform which is shifting from “financial services to an open, vibrant digital ecosystem that offers users a gateway into a comprehensive digital lifestyle, right in the palms of their hands”.



Alibaba the digital hands during Covid-19 China’s outbreak


Alipay, the Super lifestyle APP of Alibaba’s world, has launched the contactless mini-program, incentive program which helps grocery deliveries, legal, medical advice, logistic and public services to fulfill various lifestyle needs of those who are living and working from home while minimizing the need for physical contact with service providers.


Through the contactless mini-program the delivery services have reduced, and almost eliminated direct physical contacts. Instead of being handed over directly to the recipient, fresh food deliveries and mail packages are either left in front  doors or handed over specific collection points to limit the through traffic in living complexes of the numerous delivery services


An example is a medical sector,  the mini-program offered by Ali health: a providing free medical consultation, adopted by Chinese provincial governments to track people’s mobility and regulate their movements based on an assessment of their potential Covid-19 infection risks. 



COVID-19 a time of disruption and change” (White Caviar, 2020 Report)



Alipay contactless mini-program is an example of how digital technology can be used to help service providers become more agile and respond effectively to the fast-changing market environment.



Alibaba’s live-streaming: 3-dimensional mobile & social shopping experience

Live streaming is the future of retail and e-commerce, it is a combination of media selling, Facebook look-like live and e-commerce in only one App. 

Through live streaming session you can:

  •  Attract the attention of the user, creating a reminder of go-live
  • Engage the user online offering them a coupon to join the session
  • Affiliate the consumers calling them by name during the live-session
  • Convert them in your client with a dedicated promotion 

Live-streaming is the future of retail, which is the social mobile platform where you can interact with consumers while selling online your products and reducing the overcrowding in a store.

Look at the video to know more about it 





Huabei 花呗- Buy Now Pay later service

To support business recoveries and boost “revenge spending”, Chinese consumers are choosing Huabei!

 Huabei is a virtual credit card launched by Ant Financial that lets users enjoy instalment payments  experience.

Click here to check Huabei video promo >

https://v.qq.com/x/page/z0761m1kv3z.html?start=29

Huabei’s strength is to allow Chinese consumers to purchase goods and services with periodic payment, even abroad! 





Alipay has managed to create a mechanism that allows Chinese consumers to receive credits, based on the number of transactions made with the platform itself, and then to use these credits to be able to make payments in periodic installments  even at “0” interest rates.

These are only a few examples of Chinese digital products, we can continue citing the use of Big data on society, or AI (Artificial Intelligence),  AR (Augmented reality) or robots to sustain the job of a doctor in the hospitals. 

Joining one of the Chinese digital lifestyle platforms means not only to create immense value for your users but also to play an essential role in accelerating the digital transformation and unlocking more growth opportunities for your business!



Don’t give up on your business, choose your China contact-less solutions!

Contact us bd@eggsist.com

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciChoose your China contact-less solutions
EGG-Blog-ArticleImages.jpg

2nd match: KOL marketing Vs Influencer marketing

The second match of our EGGsist digital game see on the field two players:

Chinese KOL vs influencer

Kol (Key Opinion Leader) or KOC (Key Opinion Consumers) are the effective communicators to sponsor and attract in-target audience to your brand or business. How?



Before talking about the KOL marketing strategy, let’s understand how the Chinese digital behavior is changing and why influencer marketing is no longer working in China.  

Starting from the origins of the two terms, we can understand how the culture, digital mindset and digital behavior play an important role in China’s digital advertising.



The term ‘Influencer’ was adopted for the first time in the early 1600’s and describes

“someone or something with the power to alter the beliefs of individuals, and as a result, impact the course of events”.



During the latest years, the term has become viral in Western brand strategy to influence the belief of consumers and attract them to buy a product or a service.

While the idea of KOL (Key Opinion Leader) born in 1940s it established a concept that:

“people could change their views and preferences more because of trusted figures in their networks than because of Some more conventional forces such as advertising”.

Taking into consideration these assertions, and the fact that Chinese consumers are becoming more sophisticated, with a fragmented social media landscape, it is, therefore, obvious that once you have the Chinese users’ attention it is harder to keep it.



What Does a KOL Do?

KOLs have a broader impact and influence over their audience. They are experts in their subject and possess due credibility in order to be relied upon.



Which are the best channel to do KOL marketing campaign?

WeChat 微信, TikTok 抖音, Weibo 微博, Xiahongshu 小红书, Bilibili 哔哩哔哩, Alipay 支付宝 and others.



KOL vs Influencer marketing for Women’s day

What big brands have done to celebrate the International Women’s day, which channels have chosen for China market and which KOL/Influencer has represented its campaign?

Nike celebrates the International Women Day on Western and Chinese channels!


Nike chooses WeChat and G.E.M for China market


再也没什么能阻挡, 我们和这个季节一起复苏

“Nothing can stop us, we will recover with this season!”

Nike uses the power of the women to say that at this particular moment China and all the women don’t give up!

On our Western social channels, instead, Nike chooses the figure as Serena Williams, Megan Rapinoe and other iconic women for its powerful and inspirational ad campaign.



The clip, which comes in at just under one minute, features a narrator stating that one day females won’t need International Women’s Day because the playing field will be even!

In fact, the ad claim is “One day we won’t need this day

Besides other Chinese channels, Alipay is able to incorporate in its ecosystem all the related Alibaba’s channels and to drive the user to different branded promotion.


New york city page

On occasion of Women’s Day, Alipay came out with a dedicated landing page on different this. Here an example of NY city page on Alipay.


Pandora uses Michelle to promote its products and celebrate the women’s day!


Fred renominated jewelry brand, has chosen instead of the platform of Weibo to celebrate the Day and Olivia, or better known as 王子文, as KOL influencer.


Have you chosen your own platform and KOL for your next ad China campaign? Keep following us!

email: bd@eggsist.com

Leggi l'articolo
Flavia Vassallucci2nd match: KOL marketing Vs Influencer marketing
EGGsist-Happy-Chinese-New-Year-1.jpg

Il nostro Little mouse 鼠 è atterrato in “Cina 2020”!




Il nostro little mouse 鼠 è atterrato nel 2020 e dal 25 gennaio celebra il suo inizio dell’anno in Cina. Che cosa porterà l’anno del topo e quali saranno le novità del 2020?

Guarda il viaggio del nostro topolino nella video series di EGGsist:





Il nostro “鼠” celebra il suo anno!



Tra i 12 segni zodiacali cinesi, il topo, è arrivato per primo e questo è l’anno del “rinnovamento cinese”.

I segni zodiacali cinesi sono legati alla tradizione e mitologia cinese. Ogni anno è accompagnato da un animale; ci sono animali domestici, come il bue, il cavallo, la capra, il gallo, il maiale e il cane; ed animali simbolici, come appunto il topo, la tigre, il coniglio, il drago e la scimmia.

Secondo la tradizione cinese, gli animali si susseguono alternandosi nel calendario, in base ad principio dello Yin & Yang, legato alla concezione del tempo e quindi della giornata, che in antichità era suddivisa in 12 parti. Tutto si rifà al numero 12. Vediamo il perché?

Il tempo era principalmente calcolato in questo modo:

  • 1 “ji” equivale a 12 anni;
  • 1 anno = 12 mesi;
  • 1 giorno è diviso in 12 periodi di tempo chiamati appunto “shi chen”
  • ogni anno ha 12 lune piene.

Secondo la tradizione, proveniente dalla dinastia Han, l’origine della disposizione degli animali è quindi associata all’astrologia.

Ogni segno animale è quindi solitamente correlato: a un ramo terrestre; ad una direzione specifica ed ad uno dei 5 elementi (acqua, legno, fuoco, terra, metallo).

Per esempio, il topo è associato alla direzione “bei fang”, e quindi al nord; è correlato al segno dell’acqua, è posizionato all’ora “zi”, che corrisponde alla fascia oraria dalle 23 all’ 1 am, ed è associato allo Yin.

Inoltre, ogni segno scandisce non solo il tempo ma condiziona anche il carattere delle persone nate sotto tale segno.



Quali saranno le novità nel rapporto Italia-Cina nel 2020?



Il 2020 è un anno importante per il mercato italiano poiché segna il legame culturale e turistico con la Cina!



Il 2020 è l’anno della cultura e del turismo Italia-Cina!



L’Italia e la Cina, oltre ad essere storicamente “legate” dalla Via della Seta, si assomigliano in molti aspetti: l’Italia rappresenta l’Occidente e la Cina l’Oriente; entrambe hanno la vocazione per il bello, la tradizione, la cultura ed entrambe puntano molto sul turismo!

Prendendo in esame proprio quest’ultimo punto, nel 2018 sono stati circa 3 milioni i turisti cinesi che hanno deciso di viaggiare in Italia, rappresentando sia i turisti di passaggio che coloro che erano in viaggio tra le diverse capitali europee. Nel 2019, invece, secondo i dati stimati da Istat ed Enit, vi è stato una aumento di turisti cinesi, in numero di arrivi aeroportuali, di circa il 16%, con soggiorni che andavano dalle 9 alle 13 notti, per una media 2 e/o 3 persone.

Per il 2020, invece le stime sono ancora più incoraggianti, e grazie anche al potenziamento delle tratta aeree tra i due Paesi (da 58 frequenze settimanali a 108 con decorrenza immediata), l’Italia si è posizionata come prima meta preferita dai turisti cinesi, seguita da Francia, Germania e Spagna. 



Il 2020 è l’anno dei pagamenti digitali e dell’ O2O!



Il turismo outbound cinese sta contribuendo allo sviluppo dei pagamenti digitali!

Nel 2019, se l’uso di mobile payment cinesi a livello globale è rimasto pressoché stabile, il numero di transazioni effettuate tramite mobile ha visto un aumento di 3.4 su 10 pagamenti, rispetto al 2018 dove il rapporto è stato di 3.2/10.



La possibilità di pagare tramite mobile payment, durante la permanenza all’estero, è diventato un fattore determinante nella scelta dello shopping!

Secondo l’ultimo report di Nielsen utilizzare pagamenti digitali rientra tra i fattori determinanti per la scelta della destinazione turistica (29%). A seguire vi sono le icone turistiche (43%), la sicurezza (37%), la reperibilità del posto (31%), e la considerazione della destinazione come accogliente (28%).



Dove posso fare shopping?



Invece, nella scelta della destinazione di shopping all’estero, il pagamento digitale rappresenta un fattore determinante (31%); seguito dalla qualità del prodotto (36%) e dal prezzo (36%).

Se si pensa che, una volta implementato un sistema di pagamento cinese in-store, il proprio brand avrà una propria visibilità sulla App, non solo offline ma anche online, si può realmente comprendere il potenziale di tali piattaforme!

Infatti, l’ecosistema di mobile payment cinesi ingloba al suo interno anche attività di marketing, che permettono di fare campagne, coupon e scontistiche dedicate proprio all’audience cinese.

Secondo un’intervista effettuata ai merchat UK, e riportata nell’ultimo report di Nielsen, il 70% degli intervistati ha dichiarato di aver implementato Alipay come sistema di mobile payment cinese e l’82% ha riscontrato una crescita sia in volumi di vendite verso i consumatori cinesi, sia di visibilità online del proprio brand!

E per il capodanno cinese? Che cosa hanno fatto i brand del lusso per attirare l’attenzione del consumatore cinese?

Le parole chiave sono state: interazione “digitale”, promozioni e coupon.F Vediamolo assieme…

Interazioni “digitali” e il nuovo “effect” del Capodanno cinese 

Non si perde, infatti, l’occasione di festeggiare e stupire la clientela cinese con campagne sempre più sofisticate e di grande impatto. Molti hanno scelto di lanciare una capsule collection in onore del topolino, proponendolo in una veste più glamour ed elegante; altri hanno puntato sui canali digitali, facendo del “online gaming” il protagonista indiscusso. 

Un esempio fra tutti, Alipay e la sua 五福 (wu fu – cinque fortune) campaign. 

La piattaforma di mobile payment del gruppo Alibaba, si è concentrata sull’interazione con l’utente finale, invogliando ad utilizzare l’APP con giochi e regali virtuali: le ormai note “hongbao” digitali.

L’utente ha di fatto la possibilità di interagire con la piattaforma attraverso esperienze all’insegna della personalizzazione, come in questo esempio che vedete di seguito:

La campagna porta questo titolo 定制你的专属红包 (dingzhi ni de zhuanshu hongbao personalizza la tua hongbao): il consumatore cinese ha la possibilità di creare una versione del tutto tailor-made della propria famiglia; una volta “composti” i vari membri potrà inviare loro le hongbao 红包!

Le 红包 (buste rosse) digitali, l‘interazione con l’utente dall’online all’offline e viceversa, e i rimandi alla cultura e tradizione cinese, sono stati i protagonisti indiscussi di queste campagne Alipay per il capodanno cinese!

Per scoprirne di più, continua a seguirci…

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciIl nostro Little mouse 鼠 è atterrato in “Cina 2020”!
Da-Milano-a-Londra-la-parola-chiave-è-sempre-la-Cina.png

Da Milano a Londra, la parola chiave è sempre la Cina!

Lo staff di EGGsist ha partecipato in questa settimana a due degli eventi più importanti per il turismo e il Fintech: lo Shopping Tourism Forum di Milano e il Fintech Connect di Londra.

Due città differenti, due HQ per EGGsist, e due tematiche diverse, ma tutte riportano sempre alla stessa parola: Cina!

Il mercato cinese non è solo Shopping ma anche Fintech!

Il mercato cinese detiene il primato per numero di turisti in arrivo, per potere d’acquisto, e per essere il primo mercato Fintech al mondo.

Scopriamo in questo articolo le news nel settore dello Shopping e Fintech, e vediamo assieme come i retailer del MadeIn potranno cavalcare l’onda per attirare l’attenzione del Chinese Digital Consumer.  



LO SHOPPING TOURISM FORUM: Milano e Cina le 2 protagoniste!

Il 3 dicembre si è concluso presso il Palazzo Castiglioni, il forum italiano tutto incentrato sullo Shopping Tourism.

L’evento è stato un’opportunità per i principali esponenti del turismo, delle prime città italiane, outlet, esponenti di aziende Fintech e comunicazione, per parlare di una delle tematiche che accomuna tutti i settori: lo Shopping.

Dal forum si è evinto che lo shopping oltre a creare nuove destinazioni turistiche, quali gli outlet, e a rappresentare una fetta importante per l’economia italiana, è una delle prime motivazioni che porta i turisti stranieri a visitare il nostro BelPaese.



Quali sono i prossimi trend del turismo?



In questo articolo daremo una overview generale dei diversi settori e mercati interessati allo Shopping tourism.

Ad aprire il forum è stato Carlo Sangalli, Presidente Confcommercio, che ha ritenuto lo shopping tourism un’ottima opportunità per “rigenerare il passato” e le piccole attività del MadeIn; seguito da Magda Antonioli, del Consiglio di Amministrazione ENIT e Vice Presidente ETC, che in pochi minuti è riuscita a dare un quadro generale riguardante la spesa internazionale extra UE in Italia.

Secondo i dati esposti dalla Dott.ssa Antonioli, nel primo quadrimestre del 2019 la spesa internazionale extra UE per lo shopping, si aggira ad un +7% rispetto all’anno precedente, per uno scontrino medio di 797 euro.

Lo Shopping Fashion rappresenta il primo settore ad attirare i turisti stranieri verso l’Italia, e nel Q1 si è stimata una crescita del +50%, attestando rispettivamente Cina (28%), Russia (13%) e USA (9%) come i primi mercati internazionali.

Tra le città italiane, invece, che nel Q1 hanno registrato un aumento del +50%, per arrivo dei turisti internazionali, ci sono Milano (+36%) e Roma (+18%).

Inoltre, paragonando i numeri di incremento di spesa per lo shopping, con i numeri di permanenza e presenza degli stranieri nei nostri alberghi o strutture ricettive, si può notare come da quest’ultimo dipendano anche gli altri, sia per volumi che per incrementi nella vendita.

Lo shopping va quindi visto come un vero e proprio luxury product, che aumenta il suo valore nel tempo e di pari passo fa crescere anche, in termini di incoming e vendita, tutti i settori ad esso correlati: da istituzioni turistiche, attrazioni turistiche, retailer, shops, ristoranti, e così via.

Tra gli speaker, Francesco de CesarePresidente di Risposte Turismo – ha dato un piccolo assaggio di quello che è il report stilato per quest’anno dall’associazione stessa.

Secondo quanto esposto, i turisti cinesi risultano essere sempre tra i primi ad attraversare i nostri confini, e Milano, entra a far parte della classifica mondiale – al sedicesimo posto – per incidenza dello shopping sul totale delle spese effettuate dai turisti stranieri (fonte Mastercard 2019).

Sono saliti sul palco anche Tomaso de Abbondi, Head of Marketing SEA Milano; Anothony La Salandra, Direttore di Risposte Turismo; Umberto Griggi, Segretario Generale di Montenapoleone District – un esempio lampante di associazione di categoria lusso in Italia, attenta ai turisti stranieri e pronta ad offrire a loro la nostra vera essenza dell’Italian lifestyle.

Tra gli speaker si sono distinti anche Matteo Migani, General Manager di Serravalle; Paola Pacchiana, Country Manager Italy di Europass, che ci ha raccontato quali sono i sistemi di pagamento in Cina e come fare per attirare l’attenzione dei turisti cinesi, e molti altri ancora.



Qual è il futuro dello Shopping Tourism?

Lo Shopping Tourism ha un futuro che si chiama Travel Retail!

Che cosa significa travel retail per il mercato cinese?

Significa essere O2O (presenti online e offline contemporaneamente); il travel retail è una delle prime motivazioni di viaggio per la maggior parte dei turisti cinesi, ed è dove stanno puntando molte imprese europee interessate la mercato cinese.



Va oltre il puro RETAIL!

Il settore sta andando oltre il concetto di puro retail, e secondo gli esperti, stiamo assistendo ad uno sviluppo mix di operatori che uniscono più funzioni, dalla ristorazione, all’intrattenimento in store, dal fintess, ad attività di intrattenimento pre-viaggio, alla realtà aumentata e così via.

Se in Europa questo andamento risulta essere nuovo, in Cina esiste già da anni e utilizza determinate piattaforme per supportarlo, una di queste è Alipay! Ma di questo ne parleremo più avanti nella sezione Fintech.

Per quanto riguarda, invece, i luoghi di acquisto del travel retail, hanno realizzato una maggiore performance gli aeroporti,  con una spesa sostenuta al loro interno pari a 41.8 miliardi di dollari nel 2018 (+9.3% risp. 2017), seguiti dai duty free cittadini, negozi alle frontiere, porti crocieristici e sulle navi da crociera stesse.



Se ti dico shopping, pensi a Milano!

Secondo gli ultimi dati di Risposte Turismo 2019, Milano rientra nella classifica delle città più citate dai rispondenti dell’associare shopping tourism a destinazioni.

I dati statistici dimostrano che nel 2018 sono stati oltre 5,6 milioni il numero di arrivo a Milano e oltre 12 milioni le presenze in città.

Milano offre molte aree dedicate allo shopping, è conosciuta di certo per la Milan Fashion Week, è la città dove si parlano più lingue straniere nei settori di incoming (al primo posto l’inglese, seguito dallo spagnolo, francese, russo e cinese), ma è anche la città degli accessori,  dell’abbigliamento e del design.

Di fatti secondo gli ultimi dati, i settori che più hanno giovato del flusso turistico e dello shopping in generale, sono stati quello dei gioielli, accessori, dell’abbigliamento e del design.

Inoltre, per concludere così come abbiamo iniziato il nostro articolo, tra le principali nazionalità, in termini di affluenza di turisti stranieri a Milano, al primo posto c’è sempre il mercato cinese, seguito da Russia, Paesi arabi, Francia, Germania, Giappone, USA, Brasile, ed altre.



Fintech connect London: woke up with Payment pontential

FinTech Connect 209 all’ExCeL di Londra: Roland Palmer, Direttore Europa Alipay, ha presentato le “Digital re-engineering solutions” di Alipay e le opportunità per il mercato europeo di intercettare i turisti cinesi in arrivo in Europa.

Come già citato in precedenza, nel 2020 ci saranno circa 160M di cinesi che viaggeranno all’estero e useranno proprio il loro portafoglio digitale per pagare.

La spesa prevista attraverso il loro digital wallet, Alipay, si aggira attorno 300 miliardi di dollari.

Mr. Palmer ha inoltre citato Mybank.cn e la formula 310 di Jack Ma!

Di che cosa si tratta?

Mybank è stata fondata il 25 giugno 2015 ed è tra le prime banche private in Cina a stabilire il suo sistema bancario interamente in-cloud senza filiali fisiche.

Il sistema si basa sulla formula 310 di Jack MA:

  •  – 3 minuti da applicare
  • – 1 secondo da approvare
  •  – 0 intervento umano!


Volete saperne di più?

Continuate a seguirci o scriveteci a bd@eggsist.com

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciDa Milano a Londra, la parola chiave è sempre la Cina!
EGGsist-11.11.png

Cosa devi sapere sull’ 11.11

Quest’anno, il Single Day chiude con un GMV di 38.4 miliardi USD di vendite, ed una crescita annua del +26% !

Hanno partecipato più di 200 mila brand alla giornata mondiale dello shopping online e più di 1 milione di nuovi prodotti sono stati lanciati per l’occasione.


Alibaba Global Shopping Festival 2019


Single Day (11.11): 1 MILIARDO IN UN MINUTO e 544 mila ordini al secondo! 1 giorno che vale Black Friday + Cyber Monday USA messi assieme!


Per comprendere la grandezza di questo giorno, guarda questo video:


Dopo solo 1h e 24 minuti dall’apertura dell’11.11, Tmall Beauty ha battuto tutti i record mai stabiliti durante questo festival, con un volume finale delle vendite che ha portato la Cosmesi a posizionarsi al terzo posto tra tutti i settori.


Qual è il settore che ha vinto?

Nello specifico, nella categoria Beauty, tra i brand internazionali che hanno incassato più di 1 miliardo di fatturato si sono distinti:

  • L’Oreal,
  • Olay,
  • Estee Lauder
  • Lancome;

Mentre i marchi nazionali hanno visto un leggero abbassamento. Restano comunque in classifica 自然堂 Zi Ran Tang e 百雀羚 Bai Que Ling, conosciuto con il nome Chando, rispettivamente al sesto e al settimo.


Quali sono gli altri settori?

I settori che si sono distinti, per fatturato, oltre alla cosmesi sono:

  • articoli sportivi;
  • elettrodomestici;
  • prodotti di elettronica;
  • e per la prima volta anche il settore food&beverage.

Per citare alcuni nomi, tra i brand sportivi internazionali ci sono Nike, Adidas, Fila e per il food&beverage KFC, Pizza Hut.

Nella tabella vengono descritti i top 10 brand più venduti durante l’11.11 dal 2017 al 2019.


Fonte

Si può notare che negli anni, i brand internazionali hanno preso sempre più piega tra i giovani cinesi. Nomi quali 玉兰油 Olay, 雅诗兰黛 Estee Lauder e 欧莱雅 L’Oreal sono sempre presenti tra i big delle diverse edizioni dell’11.11, a dispetto di quelli nazionali che vedono un leggero calo.


Novità dell’ 11.11

Engagement utente

Durante questo 11.11 Tmall ha puntato molto sull’engegment dell’utente invogliandolo a restare in questa piattaforma per giocare ed interagire con la stessa. Come ad esempio questo game su Tmall chiamato appunto “喵铺”, Miāo Pù.

Un’audience sempre più giovane

Tmall ha puntato molto sui giovani provenienti anche dalle piccole province cinesi. Tra i big consumer dell’ 11.11, ci sono giovani provenienti da: Guangdong, Jiangsu, Zhejiang, Shanghai, Shandong, Beijing, Sichuan, Henan, Hubei, Fujian.

Buy Now, Pay later promotion for 11.11

Tmall, come molte altre piattaforme cinesi, punta molto sulla centralità del consumatore e proprio per questo, in questa edizione del Single Day, è stata utilizzata anche la funzione di Huabei: buy now pay later!

To know more about it check it out

Tra i brand che hanno introdotto la possibilità di pagare a rate ci sono Apple, Chanel ed altri venti.

 Apple, che già a Febbraio ha lanciato la sua prima campagna con Huabei, per l’occorrenza ha permesso ai propri utenti di pagare fino a 24 mesi interest-free!

11.11 Green event

Quest’anno 40 brand su Tmall, incluso Giorgio Armani Beauty e L’Oréal hanno adottato un packaging eco-friendly senza nastri adesivi ed altri sistemi di sigillo. L’Oréal è riuscita a vendere circa 5 milioni di green package nei primi due giorni dell’ 11.11!

Come si evince quindi dai numeri, l’11.11 è stato un giorno importante per i brand che si sono aperti al mercato cinese, tuttavia se ti sei perso questo Festival e hai intenzione di allargare i tuoi orizzonti verso i consumatori cinesi, ricorda che nel 2020 ci saranno 160 milioni di turisti cinesi che viaggeranno all’estero, una parte di questi potrebbero essere tuoi cliente!


Pillole digitali

“In order to succeed in China, brands have to design products specifically for China market, make decisions locally, deliver in ‘China speed’ and digitalize China business.”

Bain & Company

THINK O2O FOR 2020!

Leggi l'articolo
Flavia VassallucciCosa devi sapere sull’ 11.11